A lu Ministru Brunetta cu tuttu lu cori. Poesia di Totò Treppiedi

 
 A lu Ministru Brunetta cu tuttu lu cori.

Chi voli diri aviri un metru e miezzu di lunghizza
lu dicinu l’uecchi e li battuti di la gintuzza
o la curiusità di na beddra caruseddra
ca talia sulu pi scopriri la facchineddra
siddru è veru socchi si dici pi li naniddri
ca l’annu quantu un vrazzu di picciliddri

di tutti li virtù chissa la cchiù indecenti
ma pi la zita certu la cosa cchiù mportanti
Passanu l’anni, li misi, anchi li minuti
truvarisi granni senza essiri crisciuti
pi rumpiri li cabbasisi a li poviri mpiegati
chi mali c’annu fattu sti poviri disgraziati
chi curpa aviemmu si è nicu comu un mulu
ma li malilingui battinu comu un tammuru
pinsannu ca un nanu è na carogna di sicuru
aviennu lu cori troppu vicinu a lu bucu di nculu.

Caniattì Frivaru 2009
 

Totò Treppiedi