Natali di sangu. Di Totò Treppiedi

Totò Treppiedi

(Foto: Totò Treppiedi autore della poesia)

Natali di sangu

Ni li terri unni Cristu / ni sti iorna vitti la luci
un populu chiangi sangu / e tanti mammi ca fannu vuci
la loru curpa è d'essiri nati / ntra na terra ca ci arrubbaru
pi difennila cu ugna e dienti / li Sraeliani la bummardaru.

In Palestina stannu muriennu / viecchi, fimmini, tanti carusi
n'antra stragi di nnuccenti / cumincià Erodi e progenìa conclusi
senza pani, acqua, e travagliu / ncelu bummi a puestu di stiddri
distrugginu “Chiesi” famigli e casi / nziemmula a tanti picciriddri.

Si chisti canuscieru la pirsicuzioni / comu pottiru farisi aguzzini
cu la “vecchia” ragiuni di la forza / ammazzanu genti comu fussiru cani.
Chista è storia ca si ripeti / vi ricurdati di Sabra e Chatila?
migliaia di muerti miezzu li strati / ammunziddrati cu ncapu na tila.

Cinquant'anni di sta tragedia / ca a nuddru nteressa e nuddru cridi
un muertu “Biancu” vali milli d'iddri / e sulu tannu quarcunu ci vidi.
La verità è ca la ragiuni / è di cu avi l'esercitu cchiù putenti
pi chissu iddri sulamenti sunnu / li cani di guardia di l'Uccidenti.

25 Dicembre 2008
Totò Treppiedi

manifestazione per la pace 15 febbraio 2003