Satire e "amore" . due poesie di Totò Treppiedi

 Due poesie di Totò Treppiedi

( 1- Habemus Presidenti 2- "La prima volta” )

I

 ( Satira politica )

HABEMUS PRISIDENTI

Poesia dialettale di T . Treppiedi

Doppu tantu tribulari, lu Cunsigliu finarmenti,

cu un votu monupartisan, eleggì lu Prisidenti,

nesci di ccà,  trasi di ddrà, alla fini c’è d’essiri fieri,

pari avissi cangiatu, cchiù squatri di Bobo Vieri.

 

Cunvoca lu Cunsigliu, cuntrolla l’opra, li muvimenti,

talia l’uecchi di un Cunsiglieri, già sapi chiddru c’avi in menti.

Meglia scelta nun si potti fari, finarmenti lu cerchiu quatra,

a reggiri li sorti di lu Cunsigliu, ci vulia un pisichiatra.

 

D’ora in po’, li cosi andrannu cu ordini, a passu d’oca,

cu avrà da ridìri, lu facissi, piettu in fora e vuci roca,

finieru li tiempi di lu burdellu istituzionali,

a mintiri li cosi a puestu arrivà lu Fidirali.

Caniattì, Ottobri 2006

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

 

II

La prima volta

Brividi lungo la schiena,

tremori alle gambe, respiri affannosi,

nel petto il cuore accelerato a mille,

esplosero miriadi  di sensazioni in un attimo,


sopraggiunse poi uno stato di prostrazione

tale da desiderare fermare il tempo.

Vidi la luce, attraverso il colore dei tuoi occhi,

scoprii il piacere in quel caldo, accogliente nido.


Fu così che conobbi l’universo nella sua intima essenza,

divenni uomo nel volgere di un incontro.

Dimenticherò mai quel momento ?

Non ricordo più il tuo volto,

dolce piccola venditrice d’amore.

(Ricordando il mio 14° compleanno )