VIA DEGLI SCRITTORI, SAREBBE PIU'..............

AFFASCINANTE PERCORRERLA IN TRENO...

Di Agostino Spataro

Non desideriamo rivendicare primati, solo stabilirela cronologica cadenza delle idee. Per il resto, fa piacere vedere che qualcuno segue le tue orme, anche se inavvertitamente le cancella...

Da un mio articolo pubblicato su "La Repubblica" del 6 luglio 2004.

 

... se è una persona colta e paziente apprezzerà il viaggio come un' occasione irripetibile per osservare una sequela di luoghi mitici e di paesaggi cangianti che riflettono la storia e la natura mutevole dei siciliani. Volendo, è anche un indimenticabile viaggio letterario. Lungo l' itinerario, infatti, s' incontrano luoghi che evocano autori di prima grandezza. Nomi che illuminano il firmamento della letteratura italiana e mondiale: dai premi Nobel Luigi Pirandello, agrigentino, e Salvatore Quasimodo, modicano, a Elio Vittorini, siracusano, a Leonardo Sciascia, racalmutese, a Vitaliano Brancati, pachinese, a Gesualdo Bufalino, comisano. Il trenino attraversa questa metà della Trinacria contraddittoria e poco conosciuta: dagli aridi altipiani dello zolfo e del sale del bacino Aragona - Racalmuto...

 

L'intero articolo in: 

/repubblica/archivio/repubblica/2004/07/06/agrigento-siracusa-in-nove-ore-come-venticinque-secoli.pa_019agrigentosiracusa.html