I PRIMI SARANNO GLI ULTIMI?

DOSSIER SULLA QUESTIONE PALESTINESE IN ITALIA

 

Di Agostino Spataro

1… L’Italia riconosca subito lo Stato palestinese

Ma che strano! Quando, finalmente, l’Unione Europea inizia a muoversi per giungere al riconoscimento dello Stato palestinese (già i governi e i parlamenti di Svezia, Inghilterra,Irlanda, Spagna, Francia hanno deliberato in questo senso) il governo italiano si defila, si attarda, nicchia.

E dire che il Parlamento italiano fu il primo del mondo occidentale a chiedere, nel 1982, a larga maggioranza, il riconoscimento dell’Olp diYasser Arafat.

351 deputati appartenenti alle tre principali forze politiche italiane (Dc, Pci, Psi), ma anche al Pdup, al partito radicale, alla Sinistra Indipendente, ecc, chiedemmo al governo di riconoscere l’Olp come unico e legittimo rappresentante del popolo palestinese.

Oggi, persino un qualificato e folto gruppo d’intellettuali israeliani (fra cui alcuni fra i più famosi scrittori e un premio Nobel) ed esponenti della società civile chiedono ai Paesi europei di riconoscere, senza indugi, lo Stato palestinese, guidato dal presidente Abu Mazen.

Anche l’on. Federica Mogherini, responsabile della Pesc (politica estera UE), si è apertamente dichiarata per Gerusalemme capitale dei due Stati: palestinese e israeliano.

Eppure… Eppure il governo italiano rinvia, attende. Ma che cosa attende? Forse la solita imbeccata d’oltreoceano?

 

2… Aspettare, aspettare! Ma che cosa?

Da 67 anni, il popolo palestinese aspetta di vedere riconosciuta la sua legittima richiesta d’indipendenza nazionale, dolorosamente comprovata da decenni di occupazione militare, di massacri, di spoliazioni di beni, espulsioni,diaspore, distruzioni di abitazioni, incarceramenti, sfruttamento della forza-lavoro, miseria, privazioni di ogni sorta e persino tentativi di distruzione della identità culturale ed etnica. Per non dire delle violazioni continue dello status giuridico e pluriconfessionale di Gerusalemme. Ancora ieri, perfino un ministro palestinese è caduto, inerme, a seguito dell'intervento repressivo dei soldati israeliani.

In questo terribile conflitto chi si schiera a difesa di una parte contro l’altra, senza avere valide ragioni, non favorisce la pacifica convivenza, ma il disegno egemonico e poco lungimirante del più forte.  

A chi fa la predica ai palestinesi, invitandoli alla paziente attesa, consiglio d’immedesimarsi nella loro condizione umana e politica, di mettersi- come si suol dire- nei panni di questo antico popolo mediterraneo vittima- come si è visto nei recenti attacchi aerei contro Gaza- delle micidiali, sproporzionate rappresaglie israeliane. 

Sappiamo che anche da parte israeliana si contano le vittime, e ne siamo dispiaciuti, tuttavia non c'è proporzione tra gli effetti provocati dagli attacchi dei palestinesi oppressi e dai massacri degli eserciti israeliani occupanti.  
Certo, la morte violenta anche di un sola persona è da condannare. Tuttavia, nella conta vanno soppesati anche il numero dei morti, la gravità e l'ampiezza delle distruzioni, specie quando a provocarli sono forze straniere occupanti.
Il popolo palestinese sta lottando per affermare il diritto all’autodeterminazione, all’indipendenza che è un diritto umano fondamentale, riconosciuto dalla Carta delle Nazioni Unite che autorizza perfino l’uso delle armi per conquistarlo, e da tutte le persone giuste, di buon senso.

Purtroppo, solo al popolo palestinese non è stato riconosciuto tale diritto. E questa mi sembra la più grave ingiustizia. Mentre l’intero Terzo mondo si è liberato dal giogo coloniale, dalle occupazioni straniere, sono sorti nuovi Stati (l’ultimo, il Sud Sudan) e confederazioni di Stati, l’unico popolo al mondo a cui si continua a negare il diritto alla sovranità nazionale è quello palestinese. Perché?

 

 3… Due popoli, due Stati 

Perciò, appare inaccettabile il comportamento dilatorio dei governanti e dei dirigenti politici e parlamentari italiani che, per altro,contrasta con il sentimento e la volontà della stragrande maggioranza del popolo italiano chenon hamai contrapposto il riconoscimento dello Stato palestinese al diritto all’esistenza dello Stato d’Israele.

“Due popoli, due Stati” questo è il principio risolutore, assunto dall’Onu e dalla comunità internazionale, e su questo solco si deve operare per una pronta soluzione del conflitto.

Subito. Prima che una nuova tragedia si abbatta su quelle martoriate popolazioni, sullo stesso popolo israeliano. Per il bene di entrambi, l’Europa, l'Italia devono riconoscere lo Stato palestinese e favorire un processo di pace effettiva, garantita dall’Onu nelle forme più idonee, e di cooperazione economica e culturale fra i due popoli.

Parliamoci chiaro: se, oggi, c’è qualcuno che sta esponendo Israele a certi rischi, all’indignazione internazionale questi sono i suoi governanti che, oltre a massacrare i palestinesi, hanno deciso di trasformare lo Stato israeliano da realtà democratica, relativamente “laica”, in Stato ebraico, confessionale.

Anche questa è una novità inaccettabile che non può passare inosservata nell’opinione pubblica, nelle cancellerie europee e degli stessi Usa che, alla lunga, non potranno continuare a sostenere i governanti israeliani a prescindere dalle loro azioni.  

 

4… Pace e cooperazione nel Mediterraneo per un nuovo polo dello sviluppo mondiale

Ho scritto questa breve nota, certamente non esaustiva e senza pretesa alcuna, solo per segnalare, da cittadino italiano che da decenni lavora e si batte ai diversi livelli di responsabilità per la nascita di uno Stato palestinese, l'urgenza che la nostra Repubblica, democratica e antifascista, (mai dimenticarsi di questi due aggettivi costituzionali!) rilanci, nel nuovo contesto delineatosi, la linea di politica estera proficua e unitaria portata avanti negli anni ‘ 70 e ‘80’, mirata alla  risoluzione del conflitto israelo –palestinese.
La pace è possibile e potrebbe essere propedeutica per l'avvio di una cooperazione, bilaterale e multilaterale, reciprocamente vantaggiosa, fra tuttii popoli rivieraschi del Mediterraneo, compreso Israele.

In quegli anni, l’Italia fu fra i primi Paesi a manifestare una volontà largamente maggioritaria in favore del riconoscimento dell'Olp, oggi non può essere l’ultimo a riconoscere lo Stato palestinese.

Eravamo, siamo convinti che risolvere, in via negoziale, questo conflitto equivarrebbe a eliminare il più grave ostacolo sulla via della convivenza pacifica fra arabi e israeliani e della cooperazione economica,tecnica e culturale nel Mediterraneo e nel Medio Oriente.

Oggi, nonostante gli incerti scenari tracciati dalla globalizzazione e i sanguinosi nuovi conflitti, provocati dalle ingerenze di potenze e interessi extramediterranei, Europa e Mondo arabo si possono re- incontrare per dare vita, in questo Mediterraneo di morte e di disperazione, a un nuovo polo dello sviluppo mondiale e far rinascere la speranza di una prosperità condivisa e sostenibile.  

A me sembra questa l’unica via d'uscita possibile, onorevole anche per combattere gli squilibri economici e sociali, i contrapposti  integralismi religiosi, per aiutare sul serio (non con la carità pelosa, con l’assistenzialismo degenere e/o con le azioni armate) decine di milioni di giovani inoccupati a rimanere nei propri Paesi e non- come da noi previsto qualche tempo fa- (1) scappare verso l'Europa, alimentando l’abietto, e lucroso, mercimonio delle migrazioni irregolari.   

 

Note

(1) in,http://www.amazon.it/Mediterraneo-Popoli-risorse-spazio-economico/dp/8826701792

 

PER RINFRESCARE LA MEMORIA

 

A seguire, troverete un po’ di documentazione e di rassegna-stampa relative alle iniziative politiche e parlamentari che, unitariamente, intraprendemmo alla Camera dei Deputati, nel triennio 1980-82, per indurre il governo a riconoscere l’Olp di Yasser Arafat come legittimo rappresentante del popolo palestinese.

Com’è noto, quella proposta fu approvata dalla Camera, ma il governo-  presieduto dal filo-atlantico e antiarabo sen. Giovanni Spadolini- non volle dare seguito alla volontà maggioritaria dei deputati.

E, così, dopo 35 anni, siamo ancora a chiedere quel che si poteva, si doveva fare allora e non fu fatto.

La petizione parlamentare, promossa da un gruppo di deputati solidali con la giusta causa palestinese, fu presentata a seguito di una memorabile visita nei campi profughi del Libano e dei colloqui con i principali esponenti palestinesi e con le più alte autorità libanesi.

I promotori furono: Agostino Spataro e Antonio Rubbi per il Pci, Giuliano Silvestri e Francesco Lussignoli per la Dc, Guido Alberini e Michele Achilli per il Psi, Aldo Ajello per il partito radicale, Eliseo Milani per il Pdup, Marisa Galli per la Sinistra indipendente.

Detti parlamentari rappresentavano un vasto arco di forze democratiche: dal PCI (fra i firmatari Enrico Berlinguer, Giorgio Napolitano, Alessandro Natta, Achille Occhetto, ecc.) al PDUP (Lucio Magri, Alfonso Gianni), al PSI di Bettino Craxi (fra cui Riccardo Lombardi, Francesco De Martino, Giacomo Mancini, Loris Fortuna); dagli Indipendenti di Sinistra (da Stefano Rodotà a Luigi Spaventa) all’intero gruppo parlamentare del Partito radicale (fra cui Emma Bonino e Leonardo Sciascia) ad ampi settori della Democrazia Cristiana (fra cui Benigno Zaccagnini e diversi esponenti delle correnti di sinistra e morotee). 


GALLERIA DI FOTO

Da questa breve galleria di foto (prese da Google) si può avere un'idea dell'accoglienza ricevuta da Yasser Arafat ai massimi livelli istituzionali, politici e sindacali italiani e vaticani.

 

Incontro dicalcio nazionale cantanti: Gianni Morandi, Yasser Arafat,  il presidente Carlo Azeglio Ciampi, Michel Schumacher, Simon Peres. 

 

 

 

 

  La questione palestinese ci univa: Bettino Craxi, Yasser Arafat e Enrico Berlinguer

 

 

 

 Giulio Andreotti, Ciriaco De Mita e Yasser Arafat

 


 Arafat ricevuto in Vaticano da Giovanni Paolo II

 

 

Yasser Arafat e Silvio Berlusconi

 

 

Yasser Arafat e Federica Mogherini

 

 

 Arafat ricevuto dal presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro

 

 

 

Arafat a Roma, 1982. Da sin. A. Spataro, G. Benvenuto, P. Carniti, L. Lama, E. Egoli, D. Valori, Y. Arafat

 

 

DOCUMENTI E RASSEGNA STAMPA

 

 

 

 

Beirut-  Arafat riceve nel suo bunker la delegazione parlamentare italiana. Da sin. (partendo da Arafat e dalla sua guardia del corpo) si riconoscono: Nemr Hammad, onn. Agostino Spataro, Borri, Alfonso Gianni, Giuliano Silvestri, Giuseppe Giudice (Ansa). Di fronte s’intravvedono gli onn. Eliseo Milani, Alessio Pasquini, Guido Alberini, Mondino, Aldo Ajello, ecc. ( foto da “Falestine- Al Thawra” del 7 marzo 1981)

 

 

 

La delegazione a Tiro, dopo un attacco israeliano.

 

 

 Articolo di Maurizio Chierici sul “Corriere della Sera” del 10 marzo 1981

 

 

 

 


Articolo del'Unità del 9/7/1982