Comitato di Quartiere“Cannatello”.Comunicato Stampa

 

Comitato di Quartiere
“Cannatello”
 
 Comunicato Stampa del 12 settembre 2012
ATO GESA AG2, negli avvisi di pagamento inviati agli utenti del comune di Agrigento per il pagamento del servizio di smaltimento rifiuti anno 2012 ha applicato l’IVA nella misura del 10% sulla Tariffa di Igiene Ambientale ( la cosiddetta T.I.A).
Il Comitato di quartiere Cannatello ritiene che l’applicazione dell’IVA sulla T.I.A. sia assolutamente illegittima.
Tale illegittimità trova conferma già nel 2009 con l’intervento della CORTE COSTITUZIONALE che con la sentenza n.238 ha affermato che la T.I.A. ha natura propriamente tributaria e che, in quanto tale, ad essa non è applicabile l’IVA; recentemente, inoltre, sulla questione è intervenuta anche la CORTE DI CASSAZIONE con la sentenza n.3756 del 09 marzo 2012 affermando che l’IVA non è dovuta in considerazione della natura tributaria della T.I.A; infine, ulteriore conferma arriva da parte del Giudice di Pace di Genova che,con sentenza n.3982 del 2012, ha disposto la restituzione dell’IVA illegittimamente applicata sulla T.I.A. in favore di cittadini ricorrenti alla ingiusta tassazione.
Per avere il quadro della situazione, forse, sarebbe opportuno che qualche Autorità, prendesse contatti con altre Società d’ambito operanti in Sicilia informandosi sulle determinazioni adottate in meritoe verificando se in Sicilia esistono disparità di trattamento.
In ogni caso appare pretestuosa la precisazione contenuta negli avvisi di pagamento con cui ATO GESA AG2, richiamando la Circolare del Ministero dell’Economia e delle Finanze n.23418 dell’11 novembre 2010, cerca di giustificare la illegittima applicazione dell’IVA.
Infatti, la suddetta Circolare risulta certamente superata e gerarchicamente inferiore rispetto alle sentenze della Corte Costituzionale, prima, e della Corte di Cassazione, dopo.
Per i suddetti motivi, il Comitato di quartiere “Cannatello, invita tutti gli utenti agrigentini ad opporsi a questa ingiusta ed illegittima tassazione prendendo contatti con le Associazioni dei Consumatori operanti in Città o contattando il Comitato alla casella di posta elettronica: comitatocannatello@virgilio.it,.