EVIDENZA PROBLEMI LOCALI

Strettoia “naturale” in via Pagano
Strettoia  V. Pagano  - 14.12.11 005  E' saltata 001
E' saltata. Bene! 
Come si vede dalle due foto a confronto,il nostro contributo può essere utile per correggere certe disfunzini del nostro ambiente. Adesso spero che ci sia qualcuno che spinga perchè anche gli altri ingombri siano rimossi o, meglio, potati a dovere.(Ndr)
Le siepi   (vegetali) sono spesso una meraviglia della naturadi cui ,nel corso dei secoli, si sono serviti gli essere umani per abbellire le loro ville, i loro giardini, i luoghi di soggiorno per i periodi di “ozio” e di riposo, quando si vuole stare lontani dal logorio della vita o dai problemi che il vivere sociale comporta.
 Sono un dono di dio che credo nessuno odia o combatte sia nel proprio mondo privato che in quello degli altri.
Ma non sempre , però, se ne fa il giusto uso, specialmente quando il proprio “comodo” è a scapito del “comodo” degli altri. Come la libertà, che, secondo un concetto “liberale” molto moderno e che io condivido, ha un limite, quello di fermarsi quando arriva al limite delle libertà altrui, che non va mai invasa, altrimenti da libertà si trasforma in invadenza, oppressione degli altri.Ecc.
Tutto questo discorso? Per dire che quello che vediamo nelle foto e che riguarda una via molto trafficata alla periferia della città,la Via Pagano, invade le carreggiata, rendendo il suo attraversamento, quando un veicolo qualsiasi incontra un altro veicolo, soprattutto grosso ( non di rado), piuttosto pericoloso o perlomeno difficoltoso.
         Strettoia  V. Pagano  - 14.12.11 006 Strettoia  V. Pagano  - 14.12.11 002 Strettoia  V. Pagano  - 14.12.11 001
      
        Strettoia  V. Pagano  - 14.12.11 001 Strettoia  V. Pagano  - 14.12.11 004 Strettoia  V. Pagano  - 14.12.11 007
 
 
 
Chi deve intervenire? I “legittimi” proprietari delle piante invadenti o il Comune? I primi, secondo me, ma deve essere il Comune che deve ordinare l’intervento e in seconda istanza farlo lui e poi chiedere il pagamento delle spese ai privati responsabili.