PEPPE CARUSO Una poesia in dialetto: "Acqua pura...."

Una poesia in dialetto di Peppe Caruso

Acqua pura? … Acqua gialla!
 
N’avìamu picca punci di grattari!
Ogni matina n’acchiana una a galla:
doppu ‘nfluenza, travagliu picca e bulletti di pagari,
a Caniattì ni mancava sulu l’acqua gialla!
 
Pi la vrità la curpa ‘un è locali:
cu lu dissi prima nun vulìa fari offisi,
cridiennu giustu ca a la saluti putia fari mali.
Ma sta situazioni dura già du’ misi!
 
“Nun è potabili”, ma è bona pi fari l’antri cosi,
accussì è scrittu ‘n-tutti li Verbali.
Ma a mìa ‘un mi spercia, mancu fussi acqua di rosi.
Gialla pi gialla, miegliu usari chiddra pirsunali!
 
peppecaruso, 16 Novembre 2009