LA PULITICA A CANIATTI'. Poesia di Totò Treppiedi

LA PULITICA A CANIATTI'


Ni li banchi di lu Cunsigliu / tutti li Partiti sunnu rapprisintati
chiddri ca di l'Arcu Custituziunali / giustamenti sunnu abilitati,
cu la Liggi di lu “Sbarramentu” / l'era di li partitieddri ora finì
basta ora fari un Partitu gruessu / e ci ni mpili ddra intra da dù a tri.


Puertu l'esempiu di lu nostru Comuni / unni lu Sinnacu è del M.P.A.
di stu Partitu,un terzu l'appoia / un terzu è cuntrariu / e l'antru nun si sa.
In tutti li Partiti la cosa nun cangia / ognunu va appiersu a li so Diputati,
sunnu sutta la stessa bannera / ma ni la spartenza, miegliu stari spaiati.


Pi amuri di verità / spirava ni sta nova mpurnata,di giovani Cunsigliera
di età sù carusi,ma di li viecchi pigliaru / sia li vizia ca li pinzera
Pi fari scarmazzu si parla ora di sfiducia / pi jttari lu Sinnacu fora
“adasciu carù” e si pirdiemmu li gettoni / e quarchi cusuzza ancora?


Forsi è miegliu si ci pinsammu / n'antra tanticchia cchiù sirinamenti
cu sà lu Sinnacu nesci fora la sarda / e cu lu sciauru ni po' fari cuntenti.
Certu na vota li cosi eranu cchiù facili / pi ccu ni la Pulitica ci cridia veru,
Sinistra Comunista, Centru Democristianu,Destra Fascista, ora sulu un puzzu neru.


28 Luglio 2009

Totò Treppiedi